risparmiare dal dentista

D – Il vostro studio è il primo in Italia ad applicare tariffe low-cost prenotabili online. Come si concilia il basso costo con la qualità delle prestazioni?

R – Utilizziamo lo stesso sistema delle compagnie aeree. Il low-cost è applicato solo ad una determinata quantità di prestazioni e la tariffa varia secondo l’anticipo con cui viene effettuata la prenotazione.

D – Quindi chi prima arriva meglio alloggia.

R – Sì. In merito alla qualità, non facciamo nessuna differenza tra una seduta prenotata in promozione e una a tariffa piena. Dedichiamo lo stesso tempo e la stessa cura in entrambi i casi, cercando di assicurare lo stesso alto standard qualitativo.

D – Quali sono i servizi che offrite in promozione?

R – Sostanzialmente i servizi legati alla prevenzione: igiene professionale, e trattamenti per denti sensibili In più, offriamo sedute di estetica: sbiancamento dei denti e filler antietà.

D – Non offrite protesi o impianti a prezzi scontati?

R – Assolutamente no. Laddove si tratta di chirurgia o di protesi su misura, lesinare sul prezzo è una follia perché si va necessariamente a scapito della qualità.

D – Che cosa ne pensa dei “viaggi della salute” nei paesi dell’Est europeo?

R – Non metto in dubbio la preparazione e la qualità del lavoro dei colleghi dell’Est: sono sicuramente in grado di offrire prestazioni eccellenti. Il problema è che praticamente tutti i lavori di una certa entità, tra cui gli impianti o le protesi fisse, hanno bisogno di controlli e messe a punto a breve, media e lunga scadenza. Non è un’opzione: è una necessità. Se ogni appuntamento dal medico richiede un biglietto aereo, si finisce per lasciar perdere, finendo così per compromettere tutto il lavoro. Volendo rispettare i necessari interventi di messa a punto e manutenzione, tutta la terapia finirebbe per costare molto di più che se fosse stata eseguita in Italia. Il mio consiglio, quindi, è di rimanere in patria.

D – Tornando al low-cost: richiedete il pagamento anticipato?

R – Sì, è richiesto il pagamento anticipato tramite carta di credito.

D – Il servizio di prenotazione per le prestazioni low-cost è partito di recente. Sta avendo successo?

R – Più del previsto. Sono soprattutto i giovani professionisti e gli studenti universitari ad approfittarne; a quanto pare il passaparola si sta rapidamente diffondendo.

Pacchetti di prevenzione

La chiave della salute orale, ad ogni età, è rappresentata dalla prevenzione. Ne siamo tutti consapevoli, eppure i ritmi di vita e le altre priorità della vita spesso ci spingono a rimandare l’intervento dell’équipe dentale al momento in cui avremo qualche disturbo.

Giusto?

Sbagliato. Semplicemente perché… non conviene. E’ molto più vantaggioso, sia in termini di salute, sia dal punto di vista economico, mantenere la salute orale sotto costante controllo, tramite interventi di mantenimento poco impegnativi.

Ecco i pacchetti di prevenzione integrati che abbiamo studiato per te:

Per chi fuma, ma vuole mantenere il suo sorriso in forma smagliante. Il programma ha durata annuale e prevede 5 sedute.

Per evitare brutte sorprese. Il programma ha durata annuale e prevede 4 sedute.

Per un sorriso bianco e sano. Il programma prevede 2 sedute.

Per un sorriso bianco, sano e… protetto. Il programma prevede 2 sedute.

Per prevenire l’avanzamento della malattia parodontale. Il programma ha durata annuale e prevede 6 sedute.

Per labbra più definite e una pelle più giovane. Il programma ha durata annuale e prevede 3 sedute.

Per l’igiene e la manutenzione della protesi. Il programma ha durata annuale e prevede 4 sedute.

Per un sorriso sano, bianco e affascinante. Il pacchetto prevede i seguenti trattamenti: ablazione del tartaro, trattamento desensibilizzante, sbiancamento professionale in 1 seduta, ridisegno labbra con impianto di filler a base di acido jaluronico.

Investire sulla salute orale. Un investimento sicuro.

Come spendere meno dal dentista

Il dentista ha fama di essere il più caro tra i professionisti della salute, e questo è in parte vero. Le ragioni sono diverse e legate agli alti costi di gestione e dei materiali impiegati. Spesso, però, è possibile per il paziente spendere meno. Come?

salvadanaio

1. La prima regola è: prevenire! Tutta la nostra filosofia è incentrata su questo semplice principio: visite regolari e costanti interventi di manutenzione della salute orale mettono il paziente al riparo da brutte sorprese. Dal punto di vista economico è molto più vantaggioso mantenere sotto costante controllo la propria salute orale che correre ai ripari quando sopraggiunge un danno importante. A questo riguardo, ti invitiamo a consultare la sezione inerente i nostri servizi: scopri i pacchetti di prevenzione che abbiamo studiato per te!
2. La seconda regola è: investire sulla qualità! Per il paziente, un’otturazione è un’otturazione. Per il dentista, invece, ci sono molti metodi per eseguire quella che dal paziente viene percepita come una prestazione standard. In questo studio, lavoriamo per aumentare quanto più possibile l’aspettativa di durata nel tempo delle prestazioni effettuate. Seguiamo sempre dei protocolli improntati sull’alta qualità di procedure e materiali. Quanto grava il tutto sul costo finale per il paziente? Da noi… nulla! Applichiamo tariffe del tutto in linea con lo standard di mercato.
3. La terza regola è: sfruttare gli strumenti finanziari! Qualora fossero necessarie terapie costose, è possibile ripartire la spesa tramite opportuni finanziamenti dedicati ai pazienti. A questo riguardo, ti invitiamo a consultare la sezione inerente i nostri servizi.
4. La quarta regola è: approfittare delle promozioni! Al fine di divulgare un corretto stile di vita atto a mantenere la salute orale, abbiamo sempre in corso qualche promozione vantaggiosa. Per maggiori informazioni, visita la pagina promozioni. Inoltre: lo sapevi che se prenoti online puoi risparmiare fino al 50%? Scopri le offerte low-cost!
5. La quinta regola è: utilizzare le convenzioni! Se lavori in un’azienda, è possibile attivare una convenzione gratuita per tutti i dipendenti e i familiari. Per maggiori informazioni, leggi l’articolo “convenzioni aziendali“.

yvette-web92

PER DIRE ADDIO AL TERRORE DEL DENTISTA, ECCO LA SOLUZIONE:

logo-zerocariePROGRAMMI INTEGRATI DI PREVENZIONE PER BAMBINI E PER ADULTI

Con ZEROCARIE puoi trovare la serenità di chi non avrà più problemi di denti.

Vuoi saperne di più? Clicca qui!

Mal di denti & Co.: i rimedi della nonna

A colloquio con il dott. Francesco Rossani
A cura di Giuseppe Ingrassia

D – E’ vero che lavarsi i denti con il bicarbonato di sodio li sbianca e li mantiene più puliti?

R – Assolutamente no, anzi, è dannoso. I granuli di bicarbonato di sodio per uso domestico hanno un’azione abrasiva nei confronti di denti e gengive, provocando graffi allo smalto e irritazione delle mucose. E’ vero che il bicarbonato può tamponare la temporanea acidità che si instaura dopo i pasti (fattore favorente lo sviluppo della carie), ma andrebbe disciolto in bocca anziché sfregato. I dentifrici contenenti bicarbonato, per contro, non sono dannosi in quanto in essi il bicarbonato è polverizzato molto finemente ed è disperso in una soluzione acquosa.

D – E i chiodi di garofano? E’ vero che è utile masticarne quando duole un dente?

R – Può sembrare strano, ma è un sistema che ha delle basi scientifiche. Funziona solo se il dolore è dato da una pulpite, cioè un’infiammazione della polpa di un dente molto cariato. I chiodi di garofano contengono eugenolo, una sostanza dallo spiccato effetto antisettico e antinfiammatorio. L’eugenolo bidistillato, ottenuto proprio dai chiodi di garofano, fa parte della dotazione di ogni dentista. Come rimedio di emergenza, quindi, masticare un chiodo di garofano sul dente dolente può essere una buona idea.

D – Gli sciacqui con succo di limone e sale sono davvero efficaci contro le afte?

R – Questo rimedio va scartato. Le afte hanno probabilmente un’origine autoimmunitaria e gli unici farmaci che hanno una qualche efficacia sono dei palliativi che alleviano i sintomi in attesa che il disturbo si risolva spontaneamente. Ultimamente sono usciti in commercio dei dischetti adesivi che proteggono la lesione dallo sfregamento e che quindi aiutano efficacemente a sopportare il fastidio. Il succo di limone non solo è del tutto inattivo contro le afte, ma demineralizza la sostanza dentale provocando dei possibili danni. Il sale, poi, rende solo più sgradevole la miscela.

D – Gli sciacqui con acqua e sale servono a qualcosa?

R – A molto poco. L’acqua salata ha un’azione antisettica molto blanda. Avendo però una certa azione astringente,  gli sciacqui possono essere indicati nel periodo di adattamento ad una nuova protesi mobile.

D – E’ utile servirsi di spazzolini da denti con setole naturali?

R – Sono da evitare. Le setole naturali, sia di origine animale (tasso, zibellino), sia di origine vegetale (fibra di riso), hanno le estremità aguzze e taglienti e di conseguenza graffiano le gengive. Le setole sintetiche, al contrario, vengono arrotondate in fase di produzione e quindi hanno un’azione molto più delicata.

D – Una tradizione popolare suggerisce di detergere i denti con foglie di salvia per renderli bianchi. C’è una base scientifica?

R – La salvia officinalis contiene un olio essenziale ricco di canfora, oltre a sali minerali e vitamine B e C. L’olio essenziale di salvia ha un moderato effetto antinfiammatorio, per cui può dare sollievo in caso di gengivite. Lo sfregamento delle foglie sui denti non ha invece alcun potere sbiancante.


D – E’ vero che gli stuzzicadenti sono pericolosi?

R – Lo stuzzicadenti, se male usato, può in effetti essere dannoso. Va evitato per rimuovere i residui di cibo dagli spazi interdentali perché può lesionare la gengiva. Meglio quindi utiilzzare il filo interdentale. L’uso dello stuzzicadenti è consentito in caso di emergenza solo a chi è portatore di ponti e deve provvedere alla liberazione degli spazi sotto gli elementi sospesi. In linea di massima andrebbe utilizzato il cosiddetto scovolino**, ma lo stuzzicadenti può essere utile a chi ne fosse sprovvisto.

D – Un’ultima raccomandazione?

R – Evitate il fai-da-te. Ricordatevi inoltre che “naturale” non è sinonimo di “innocuo”; molte sostanze “naturali”, se male impiegate, possono provocare danni piuttosto seri. Nel dubbio, meglio chiedere consiglio a persone competenti.