ZEROCARIE

Dire addio a carie, estrazioni, anestesie e cure costose è il sogno di tutti i pazienti. Ed è il sogno di alcuni dentisti; perlomeno è il nostro sogno. Vorremmo pazienti in perfetta salute orale e limitare la nostra assistenza al mantenimento di questa condizione.

Utopia? NO! E’ UN SOGNO REALIZZABILE AL 100%!

La “bacchetta magica” per realizzarlo esiste e funziona: si chiama prevenzione. Finora, in Italia, la prevenzione è poco diffusa. Manca l’informazione e la volontà di proporla da parte di molti medici. Noi, invece, che facciamo della prevenzione la nostra bandiera, abbiamo lanciato il progetto ZEROCARIE.

Vi presentiamo due famiglie:

famiglie

Queste due famiglie sono molto simili:

entrambi i genitori lavorano e i due figli sono in età scolare.

Queste due famiglie sono molto diverse:

  • I signori Bianchi ricorrono al dentista solo “quando serve”, ovvero quando fa male un dente o qualche vecchia otturazione si rompe. I signori Bianchi sono terrorizzati sia dalle cure odontoiatriche sia dalle spese che comportano. Ogni volta che un membro della famiglia si fa visitare, il dentista riscontra la necessità di effettuare altre cure, oltre a quella d’urgenza. I signori Bianchi sono persuasi che il dentista sia troppo “allarmista” e, non volendo affrontare la spesa di cure supplementari, risolta l’urgenza interrompono le cure. Ogni tanto, però, accade che si rendano davvero necessarie cure importanti e costose; a malincuore, i signori Bianchi devono tornare dal dentista.
  • I signori Verdi hanno scelto di proteggersi con ZEROCARIE. Lo studio dentistico provvede a valutare lo stato di salute orale di ciascun familiare e sviluppa un piano di prevenzione specifico. I signori Verdi sono sereni: non dovranno far altro che mantenere una buona igiene orale, secondo le istruzioni fornite dal personale, e presentarsi agli appuntamenti di controllo e profilassi. Se anche dovessero svilupparsi nuove carie, saranno trattate in fase iniziale e a COSTO ZERO. I signori Verdi dormono sonni tranquilli: sanno esattamente quanto spenderanno annualmente per la salute orale della famiglia (molto meno dei signori Bianchi!) e sanno che non dovranno affrontare spiacevoli sorprese.

logo-zerocariefacile

Pacchetti di prevenzione

La chiave della salute orale, ad ogni età, è rappresentata dalla prevenzione. Ne siamo tutti consapevoli, eppure i ritmi di vita e le altre priorità della vita spesso ci spingono a rimandare l’intervento dell’équipe dentale al momento in cui avremo qualche disturbo.

Giusto?

Sbagliato. Semplicemente perché… non conviene. E’ molto più vantaggioso, sia in termini di salute, sia dal punto di vista economico, mantenere la salute orale sotto costante controllo, tramite interventi di mantenimento poco impegnativi.

Ecco i pacchetti di prevenzione integrati che abbiamo studiato per te:

Per chi fuma, ma vuole mantenere il suo sorriso in forma smagliante. Il programma ha durata annuale e prevede 5 sedute.

Per evitare brutte sorprese. Il programma ha durata annuale e prevede 4 sedute.

Per un sorriso bianco e sano. Il programma prevede 2 sedute.

Per un sorriso bianco, sano e… protetto. Il programma prevede 2 sedute.

Per prevenire l’avanzamento della malattia parodontale. Il programma ha durata annuale e prevede 6 sedute.

Per labbra più definite e una pelle più giovane. Il programma ha durata annuale e prevede 3 sedute.

Per l’igiene e la manutenzione della protesi. Il programma ha durata annuale e prevede 4 sedute.

Per un sorriso sano, bianco e affascinante. Il pacchetto prevede i seguenti trattamenti: ablazione del tartaro, trattamento desensibilizzante, sbiancamento professionale in 1 seduta, ridisegno labbra con impianto di filler a base di acido jaluronico.

Investire sulla salute orale. Un investimento sicuro.

Mal di denti & Co.: i rimedi della nonna

A colloquio con il dott. Francesco Rossani
A cura di Giuseppe Ingrassia

D – E’ vero che lavarsi i denti con il bicarbonato di sodio li sbianca e li mantiene più puliti?

R – Assolutamente no, anzi, è dannoso. I granuli di bicarbonato di sodio per uso domestico hanno un’azione abrasiva nei confronti di denti e gengive, provocando graffi allo smalto e irritazione delle mucose. E’ vero che il bicarbonato può tamponare la temporanea acidità che si instaura dopo i pasti (fattore favorente lo sviluppo della carie), ma andrebbe disciolto in bocca anziché sfregato. I dentifrici contenenti bicarbonato, per contro, non sono dannosi in quanto in essi il bicarbonato è polverizzato molto finemente ed è disperso in una soluzione acquosa.

D – E i chiodi di garofano? E’ vero che è utile masticarne quando duole un dente?

R – Può sembrare strano, ma è un sistema che ha delle basi scientifiche. Funziona solo se il dolore è dato da una pulpite, cioè un’infiammazione della polpa di un dente molto cariato. I chiodi di garofano contengono eugenolo, una sostanza dallo spiccato effetto antisettico e antinfiammatorio. L’eugenolo bidistillato, ottenuto proprio dai chiodi di garofano, fa parte della dotazione di ogni dentista. Come rimedio di emergenza, quindi, masticare un chiodo di garofano sul dente dolente può essere una buona idea.

D – Gli sciacqui con succo di limone e sale sono davvero efficaci contro le afte?

R – Questo rimedio va scartato. Le afte hanno probabilmente un’origine autoimmunitaria e gli unici farmaci che hanno una qualche efficacia sono dei palliativi che alleviano i sintomi in attesa che il disturbo si risolva spontaneamente. Ultimamente sono usciti in commercio dei dischetti adesivi che proteggono la lesione dallo sfregamento e che quindi aiutano efficacemente a sopportare il fastidio. Il succo di limone non solo è del tutto inattivo contro le afte, ma demineralizza la sostanza dentale provocando dei possibili danni. Il sale, poi, rende solo più sgradevole la miscela.

D – Gli sciacqui con acqua e sale servono a qualcosa?

R – A molto poco. L’acqua salata ha un’azione antisettica molto blanda. Avendo però una certa azione astringente,  gli sciacqui possono essere indicati nel periodo di adattamento ad una nuova protesi mobile.

D – E’ utile servirsi di spazzolini da denti con setole naturali?

R – Sono da evitare. Le setole naturali, sia di origine animale (tasso, zibellino), sia di origine vegetale (fibra di riso), hanno le estremità aguzze e taglienti e di conseguenza graffiano le gengive. Le setole sintetiche, al contrario, vengono arrotondate in fase di produzione e quindi hanno un’azione molto più delicata.

D – Una tradizione popolare suggerisce di detergere i denti con foglie di salvia per renderli bianchi. C’è una base scientifica?

R – La salvia officinalis contiene un olio essenziale ricco di canfora, oltre a sali minerali e vitamine B e C. L’olio essenziale di salvia ha un moderato effetto antinfiammatorio, per cui può dare sollievo in caso di gengivite. Lo sfregamento delle foglie sui denti non ha invece alcun potere sbiancante.


D – E’ vero che gli stuzzicadenti sono pericolosi?

R – Lo stuzzicadenti, se male usato, può in effetti essere dannoso. Va evitato per rimuovere i residui di cibo dagli spazi interdentali perché può lesionare la gengiva. Meglio quindi utiilzzare il filo interdentale. L’uso dello stuzzicadenti è consentito in caso di emergenza solo a chi è portatore di ponti e deve provvedere alla liberazione degli spazi sotto gli elementi sospesi. In linea di massima andrebbe utilizzato il cosiddetto scovolino**, ma lo stuzzicadenti può essere utile a chi ne fosse sprovvisto.

D – Un’ultima raccomandazione?

R – Evitate il fai-da-te. Ricordatevi inoltre che “naturale” non è sinonimo di “innocuo”; molte sostanze “naturali”, se male impiegate, possono provocare danni piuttosto seri. Nel dubbio, meglio chiedere consiglio a persone competenti.